L'INTERVISTA A SIMON KJAER

Milan, Kjaer: “Il calcio non è più la mia priorità, tornerò più forte”


Simon Kjaer, difensore centrale del Milan, ha rilasciato una lunga intervista al The Guardian. Le sue parole:


SULLE EMOZIONI DEL 2021:Positive, negative, abbiamo attraversato tutto. Tutte le emozioni possibili. Abbiamo avuto tutto”.


SULL’AVER SALVATO ERIKSEN:Apprezzo tutte le parole positive e la gratitudine. Sono onorato. Ma come ho sempre detto, la mia reazione è stata impulsiva e così quella di tutti. Quello che abbiamo fatto, l’abbiamo fatto come una squadra. Non sarei stato in grado di mantenere la calma se non avessi avuto qualcuno a cui appoggiarmi. Era un nostro amico: non un collega, un amico. Questo ha reso tutto molto più intenso, e quello che abbiamo fatto è stato istintivo. Non credo che ci si possa preparare a qualcosa di simile. So, per quanto mi riguarda, che non avrei potuto fare nulla di tutto questo senza la mia squadra al mio fianco. Alla fine della giornata tutto era solo per uno scopo ed era per Christian, per il suo benessere in quel momento e per la sua famiglia“.

SUI GIORNI SEGUENTI:Le abbiamo provate tutte. Ci siamo permessi di allenarci un’ora, un’ora e mezza al giorno, e poi di andare avanti con tutte le difficoltà che i giorni avrebbero portato“.

SUL CAMMINO ALL’EUROPEO:Sono andato avanti; riscaldamento; spogliatoio; uscire per l’inno nazionale; ascoltare l’inno nazionale; sentire il fischio; partire da lì.. Non avevo idea di cosa sarebbe successo. Anche se andavo in campo sapendo che avrei dovuto giocare, alla fine della giornata non sapevo se avrei giocato. Non avevo idea di come mi sarei comportato, nessuno lo sapeva, ma stavo bene. Quindi ci siamo divertiti e il risultato non aveva importanza, ve lo posso dire, al 100%. Non aveva importanza. In nessun momento. I tifosi, lo stadio, quel sostegno, la sensazione all’interno, penso che descriva ciò che è successo per la Danimarca in generale quell’estate, per le persone che erano lì ma anche per quelle che guardavano in TV. Come abbiamo potuto fare quelle performance? Non riesco a trovare spiegazioni; posso solo tornare alla squadra, al sostegno, alla fiducia, al conforto che troviamo l’uno nell’altro. Il nostro legame è stata l’unica cosa che ci ha dato la possibilità di tornare in campo. Se non avessimo superato la fase a gironi non ci sarebbero stati problemi. Certo, dopo avrei potuto guardarmi indietro. Sono ancora incazzato per il rigore e per aver perso la finale. Ma alla fine era secondario e il calcio è diventato secondario per me. Non è così importante come lo era prima“.

SUL SUO RAPPORTO COL CALCIO:Il campo di calcio è il posto sulla terra dove mi sento più a mio agio. Quando succedono certe cose, la porti con te per il resto della tua vita. Ma si impara da essa, si tirano fuori delle cose, e forse questo mi permette anche di giocare un calcio migliore di prima. Mi lascio divertire e questo mi dà un approccio più rilassato; un approccio più dedicato ma dove, allo stesso tempo, mi sto riposando. Amo giocare a calcio, l’ho sempre amato, ma non ho altri 10 anni quindi devo apprezzare il tempo che mi rimane“.


SULL’INFORTUNIO:Nel quadro generale questa è solo la mia gamba ed è solo calcio, anche se entrambe le cose sono piuttosto importanti per un calciatore. Sto bene, la mia famiglia sta bene e tornerò sul campo da calcio. Preferisco vederla come un’opportunità positiva e rara. Ho spesso pensato a come sarebbe stato passare due o tre mesi lontano dalle partite, sia per essere creativo nell’ottimizzare il mio gioco che per rendere il mio corpo più forte. Normalmente questo non è mai possibile in una carriera. Avrei preferito non essere infortunato ma devo accettarlo, lavorare per superarlo e uscirne con una versione più forte di me stesso“.


SUL SUO CARATTERE:Nella mia mente sono un ragazzo che è cresciuto in una piccola città e i miei piedi sono solidamente piantati a terra. Ma a volte devi essere un po’ arrogante, un po’ ignorante, sulle tue capacità perché ti spingerà un po’ di più. Se stai giocando contro Messi o Ronaldo, probabilmente sono migliori di te. Ma se sai che ogni giorno ti fai il culo, puoi dire a te stesso: ‘Chi è un difensore migliore di me al mondo in questo momento? Qualcuno, forse un po’ di più, ma nelle giuste condizioni… Io credo di essere il migliore, devo crederci. Se no non lo sarò mai, e non darò mai il 100%“.

SUL RAPPORTO CON ERIKSEN:Parlo molto con Christian. È stata la mia terapia. Se so che Christian sta bene, allora io sto bene; se lui sta bene, io sto bene. Nel complesso siamo persone molto rispettose ed educate. Se prendi 100 giocatori danesi da tutto il mondo, forse uno sarà un po’ matto ma penso che troverai dei parallelismi tra tutti noi. Vieni educato ad essere molto indipendente, impari a prenderti cura di te stesso, impari ad essere educato. Impari che l’atteggiamento e la fiducia sono una buona cosa, ma non troppo. Si apprezza e si guadagna il rispetto, senza mai dare nulla per scontato. Siamo molto diretti, siamo molto onesti, e penso che questo sia molto importante. Naturalmente ho delle cose con cui lotto, e lotterò sempre con esse. Ma con il tempo, e se posso vedere che Christian e la sua famiglia stanno bene, allora mi sentirò bene anche io. È lì che trovo la mia pace, e questo mi basta“.




0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti