INTERVISTA DI FIKAYO TOMORI

Le parole del difensore del Milan Fikayo Tomori ai microfoni di The Sun


SCUDETTO –


«Molte persone non credevano che ce l’avremmo fatta a vincere il titolo. Dimostrare alle persone che si sbagliavano e che eravamo una squadra forte è stato bello per tutti noi.»


FESTEGGIAMENTI –


«È stato pazzesco. Non ho mai visto nulla del genere prima, soprattutto con così tante persone: c’erano tre, quattro, cinque chilometri di tifosi, ci sono volute tre ore sull’autobus (per arrivare in Duomo, ndr).»


TIFOSI –


«Ovviamente ho visto i tifosi giù a Milano, ma vedere tutti i tifosi per le strade e per tutto il pomeriggio… non riesco proprio a descriverlo. Mi sto divertendo e sono davvero felice.»


ARRIVO AL MILAN –


«Quando sono arrivato lì, tutti sono stati molto disponibili e mi hanno aiutato ad ambientarmi. Questo mi ha aiutato ad adattarmi e a voler continuare a costruirmi e migliorarmi come giocatore.»

ITALIANO –


«Ovviamente parlavano tutti italiano, quindi ero ansioso di impararlo per aiutarmi ad ambientarmi. Pensavo fosse davvero importante comunicare, ora parliamo solo italiano. Non è perfetto e sto ancora imparando, ma fa parte dell’esperienza. Ovviamente sento molte parolacce! Parole diverse e lessico diverso. Molti giocatori mi hanno aiutato e alcuni di loro parlano inglese, il che è stato utile quando mi sono unito per la prima volta. Ma ora parliamo principalmente italiano, quindi va tutto bene.»


PIOLI –


«Prima di tutto, l’allenatore mi ha aiutato nel modo in cui vuole che la squadra giochi. Anche individualmente e come squadra come vuole che difendiamo. Sotto questo aspetto ho imparato cose diverse.»


ARBITRI –


«Per com’è questo campionato, gli arbitri fischiano molto di più, quindi non puoi tuffarti. Se fai un contrasto, devi vincerlo. Se sei aggressivo, devi affrontare adeguatamente. Rimani in piedi e assicurati di essere nella posizione giusta. Ho imparato di più e ho dovuto pensare al mio posizionamento.»


MALDINI –


«Parlo con Paolo, è lì tutti i giorni. A volte mi chiede come stanno andando le cose e parla a noi difensori come collettivo.»


TRASFERIMENTO –


«Ero pronto a fare qualcosa di diverso. Ovviamente è il Milan, quindi ho pensato: ‘Quando vado?’ Ho sempre avuto l’idea di dove mi piacerebbe andare all’estero e vedere come sarebbe stato.»



25 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti