Cerca
  • Luduvica Pignalberi

Il nuovo stadio, il calcio, Ibra, Donnarumma e molto altro nell'intervista a Gazidis


L'amministratore delegato del Milan ha rilasciato una lunga intervista al Corriere dello Sport, ecco alcune dichiarazioni.

Sulla società:

Lui è stato uno di quelli che ha contribuito a riportare il Milan in alto, dove merita di essere, non è stato semplice, "Se penso alle sfide che abbiamo dovuto affrontare al Milan, sin dal primo giorno… Dovevamo portare in pari i conti, perché il rosso aveva superato il livello di guardia, e allo stesso tempo migliorare le performance sul campo. Se avessimo copiato dei modelli esistenti avremmo fallito entrambi gli obiettivi. Dovevamo fare qualcosa di rottura, trovare un modo di agire tutto nostro, altrimenti non avremmo avuto alcuna possibilità di evitare l’angolo morto".

Si è trovata una base sulla quale ripartire, quindi ora ci saranno nuove sfide da affrontare "La sfida è far acquisire una mentalità più ottimista a una squadra che veniva da un lungo periodo di difficoltà – ma, aggiungerei, anche espressione di una cultura calcistica molto radicata e facile al pessimismo. A volte si ha bisogno di un po’ di ingenuità. Oltre a carattere, forza, chiarezza e costanza".

In merito al fondo Elliot afferma: "Fin dal primo giorno ho fatto ciò che credevo fosse necessario per il bene della squadra ma ragionando sempre al futuro. Il mio atteggiamento non ha niente a che vedere con il fondo e con la possibilità che possa vendere: non so se questo accadrà tra uno, tre o dieci anni. La visione è molto chiara: riportare il Milan al top. Poi, ovviamente, il fatto che questi fondi entrano nel calcio deriva dal fallimento della regolamentazione e dell’organizzazione. Molte di queste situazioni si verificano perché alcune squadre sono in difficoltà – ed è nelle difficoltà che i fondi intervengono e investono. Il calcio potrà avere delle proprietà molto più forti, se il nostro modello di business sarà regolamentato meglio e se le norme saranno rispettate da tutti. Questo è un altro grande obiettivo: avere i migliori proprietari, forti e solidi. Se hai un modello di business folle, non avrai proprietari forti, ma folli. Oppure fondi che raccolgono i cocci".

Sul mercato e sull'appoggio dei tifosi:

L'argomento più attuale è il mercato, e ci si pongono sempre tante domande, ma la società è rimasta colpita dalla piena fiducia che i tifosi hanno espresso nei confronti del club rossonero e lui in merito a questo ha detto "I tifosi sono intelligenti e consapevoli, le tappe del viaggio che la nostra squadra ha intrapreso non sono al buio. Il calcio non può crescere ripetendo se stesso. Abbiamo imparato qualcosa negli ultimi dodici mesi e abbiamo il dovere di sfruttare le nuove informazioni. Il CoVid c’entra fino a un certo punto, le difficoltà erano evidenti anche prima del lockdown. Si sta verificando un adeguamento mondiale che deve precedere un rinnovamento sostanziale. Il mercato che vedremo quest’estate sarà diverso da quello dell’estate scorsa e da tutti quelli che l’hanno preceduto. Il nostro obiettivo è continuare a essere ambiziosi e ottimisti, migliorare la squadra seguendo il giusto cammino e coniugando risultati e stabilità finanziaria. Questo è importante, perché senza la stabilità la squadra ripiomba nell’incertezza. Servono disciplina e chiarezza. L’attenzione continuerà a essere focalizzata sui giocatori giovani, con alcuni elementi esperti. Ciò che sta succedendo con i nostri tifosi è davvero speciale, mai visto prima. All’inizio - e posso capire i motivi - ponevano molte domande: questo percorso può funzionare? È così diverso rispetto al modo in cui il Milan si è mosso in passato… Ma adesso la fiducia sta crescendo. Non ho mai visto niente di simile a ciò che è successo a 'Casa Milan': vedere i nostri tifosi sotto gli uffici per esprimerci il loro supporto è stato un segnale estremamente potente: questo senso di unità e condivisione è una spinta eccezionale".

Le scelte di Zvonimir Boban, Paolo Maldini e Frederic Massara:

Le scelte sono frutto di un lavoro si squadra, non sono individuali: "La squadra sta sopra ogni cosa e persona. Quindi il punto è trovare qualcosa o qualcuno che funzioni per essa, e quel qualcosa o quel qualcuno può essere frutto di scelte originali. Da fuori la gente può pensare che ognuno operi all’interno di perimetri fissi, le cose non stanno così. Noi lavoriamo come un team, con altre persone coinvolte, non solo Maldini e Massara. Ho creduto in Paolo fin dal primo momento, sapevo che sarebbe potuto diventare un direttore sportivo top level, ed è proprio ciò che è oggi".

La SuperLega:

Essa fu una scelta 'obbligata' dovuta al fatto che erano presenti molti problemi, problemi che non si sono risolti con la sua creazione e successiva eliminazione. "La Superlega, per come era stata concepita, è morta. Tuttavia, i problemi che hanno portato a quel progetto rimangono inalterati. Tutti nel calcio, in particolar modo coloro che sono incaricati di regolamentarlo, devono riflettere seriamente sulle origini dei mali e su cosa si può fare - insieme - per ottenere un calcio migliore e sostenibile. Mi preoccupo quando si parla di vincitori e vinti, Non vedo vincitori. Mi auguro che non ci sia alcuna “rottura” (lo dice in italiano). Un processo si terrà alla Corte Europea di Giustizia, non sono un avvocato competente, ma il dialogo è sempre la soluzione più valida. Gianni Infantino ha detto qualcosa al riguardo, non mi faccia aggiungere altro... La gente parla di avidità. Il nostro club ha perso 200 milioni l’anno scorso. È forse da avidi provare a inseguire lo zero, il punto di pareggio? È da avidi affermare che saremmo felici se lo raggiungessimo? Perdere 200 milioni significa che qualcosa si è rotto. Non siamo un unicum, riguarda tutti".

Il calcio, la burocrazia e gli altri campionati:

"Le inglesi subiscono pressioni identiche. Il Tottenham, l’Arsenal, il Liverpool, il Manchester United. La concorrenza da quelle parti è micidiale e più articolata. Le porto un esempio sono all’apparenza sciocco: il vecchio stadio del Tottenham aveva 60mila posti? Benissimo, l’Arsenal ne ha voluti 61mila per l’Emirates Stadium. Non si tratta di una sfida intellettuale, la gente sa qual è la cosa giusta. Ma bisogna essere determinati, onesti e chiari. Ti diranno che pazientare è impossibile, per questo e quell’altro motivo, e che stai sbagliando, che te ne devi andare dopo tre sconfitte, che non capisci… È successo anche negli USA. Quando iniziammo il percorso MLS, i media, per quel poco che si interessavano a noi, ci chiamavano “Mythical League Soccer”. Dicevano che il calcio non sarebbe decollato, che negli Usa c’è un modo diverso di intendere lo sport e che era un gioco da stranieri".

La burocrazia: "È un problema, e bisogna trovare una soluzione. Negli Stati Uniti avevamo problemi simili. Chi mai avrebbe voluto investire milioni di dollari e correre un tale rischio? Uno se l’è sentita, a Los Angeles, Phil Anschutz. Faceva parte del gruppo dei sette investitori iniziali, sette per dieci squadre. E il modello di stadio che ha creato, il secondo prettamente calcistico, molto costoso, ha avuto un tale successo da indurre altri a imitarlo. Se riusciremo a costruire il nostro stadio qui a Milano, rendendolo uno dei migliori al mondo - il più bello in assoluto - potremo dare inizio a qualcosa di importante anche per l’Italia".

Il nuovo stadio:

Tutti, già da molto tempo aspettiamo il nuovo stadio le parole di Gazidis danno speranza. "Resto ottimista. Non solo per il Milan, ma per il calcio italiano in generale. La Juventus con il suo stadio è stata dominante. Con una concorrenza più ampia e finanziariamente solida, il livello complessivo salirà. L’altra cosa che il calcio italiano deve fare è pensarsi al futuro e al di fuori dei propri confini mentali e culturali. Quando l’Inghilterra smise di guardare soltanto in casa, rinunciando alla storica autoreferenzialità, spiccò il salto decisivo".

Il calcio in Italia e la necessità di alzare i fatturati:

"Siamo in viaggio… La cosa difficile da accettare è che non esistono scorciatoie. La buona notizia è che in questo viaggio non vi è nulla di misterioso. Altri l’hanno affrontato prima di noi e con successo. Se guardiamo alla Premier League, la base del rilancio sono stati gli stadi. Quando il calcio inglese ha toccato il fondo, il governo ha incoraggiato la costruzione di nuovi impianti. La comodità dei posti e la facilità dell’accesso all’evento hanno migliorato il rapporto pubblico-calcio. Si sono riviste le famiglie, poiché c’era più sicurezza, e la qualità dell’esperienza è cresciuta. I ricavi e la capacità di spesa hanno fatto immediatamente un balzo in avanti. Al rilancio del football hanno concorso anche altri fattori, ad esempio Sky, e così via. La stessa cosa è successa negli Stati Uniti. Quando fu fondata la MLS non c’erano stadi dedicati. Ora invece, con 29 o 30 squadre, se non sbaglio, ci sono 20 strutture nuove di zecca, impianti incredibili".

Il calcio sta cambiando:

"La mia formazione mi porta a non sottovalutare anche i temi strettamente tecnico-tattici. Il calcio sta costantemente cambiando e i Paesi in cui l’aspetto del campo viene trascurato restano irrimediabilmente indietro. Ciò che intendo per progressive football non è necessariamente un concetto fisso, ma una filosofia di approccio che consiste nel porsi delle domande e pensare a come lo sport possa evolversi. Al momento noto che le transizioni da un possesso palla all’altro stanno diventando sempre più importanti: quei cinque secondi sono decisivi. Anche gli uno contro uno, i duelli individuali hanno riguadagnato l’importanza di un tempo. Nel calcio italiano c’erano degli schemi di gioco definiti e fin troppo ripetuti; ora sembra prevalere lo stile basato sull’uno contro uno - l’Atalanta lo pratica benissimo - e risulta molto più difficile giocare contro chi investe nei duelli e nello spazio. È un’idea circolare. L’aspetto atletico è cambiato in modo netto, però: i calciatori di oggi, rispetto a quelli di venti e trenta anni fa, sono diversi strutturalmente, hanno abilità e caratteristiche differenti, spesso superiori. Le scienze motorie alle quali ricorriamo per ottenere performance ai più alti livelli sono di gran lunga più sofisticate. Un altro aspetto è la verticalità. Quando una squadra recupera il pallone, e quindi il possesso, deve trovare la via più veloce per avvicinarsi alla porta avversaria, anche a costo di correre dei rischi. Il regista non è più il numero 10, che ha le abilità e l’estro per trovare il passaggio giusto, bensì l’intero sistema. È il sistema che diventa il playmaker. Non esiste un solo modo di fare calcio, ci sono tanti stili diversi. Antonio Conte ha ottenuto numerosi successi giocando in un modo completamente diverso da quello che ho appena descritto".

Il Milan tra giovinezza ed esperienza:

L'età media del Milan è molto bassa, questo consente di avere una squadra fresca e innovativa, fatta di giovani che hanno tantissima energia ma ogni tanto un tocco di esperienza non gusta, per far si che i giovani imparino a diventare dei grandi. "Quando arrivai al Milan, credo addirittura il primo giorno, dissi che avremmo costruito la squadra sui giovani, ma senza escludere elementi esperti che avrebbero rafforzato il gruppo dandogli una guida. Non ho mai detto no a Ibra. Anzi, fu lui a dirci di no un anno, non voleva lasciare i Galaxy. Ne favorii l’arrivo e, per di più, suggerii l’acquisto di Cesc Fàbregas, che non andò in porto per altre ragioni".

Ibra

Gigio, Raiola e il Milan:

"Non voglio rivelare i dettagli, né la tempistica, e non conosco i confini del rapporto tra Gigio e Mino Raiola. Alla fine, ovviamente, la decisione è sempre del calciatore. Quello che posso dire è che Gigio è stato un professionista eccezionale, in ogni singolo giorno, e nell’ultima partita contro l’Atalanta non c’era nessuno più felice di lui per la qualificazione in Champions. Nutro una stima assoluta nei suoi confronti, così come rispetto le sue scelte. Nessun accento negativo. Ha fatto ciò che pensava fosse meglio per lui, e ci sono alcune ragioni dalla sua parte, ma non indico quali". In merito al fatto di cui parlano molti, ovvero 'eliminare' Raiola dal Milan risponde: "No, non è un nostro obiettivo. Non abbiamo alcun problema con Raiola, siamo in buoni rapporti. Certe decisioni vengono prese dai giocatori, non dai loro agenti. I singoli casi li analizziamo senza alcun pregiudizio".

Zlatan e il suo rapporto con Pioli:

"È stato sorprendente conoscere Ibra. È straordinariamente divisivo: o lo ami o lo odi. Penso che investa su questa caratteristica per motivare se stesso. È un uomo molto intelligente e ha anche un lato soft, che esprime nel rapporto con la squadra. Non è sufficiente ruggire come un leone sul campo per guadagnarsi il rispetto dei compagni. Sono molto utili i momenti - diciamo così - di tenerezza. Una parte di lui è destinata all’immagine pubblica. Prevale comunque la componente motivazionale: Ibra non si accontenta mai, è sempre sopra le righe, il leone se lo sente addosso. E ovviamente non pensa di essere Dio. Il desiderio di essere qualcosa in più, e di diverso, è nella sua natura. Il gruppo è fortemente stimolato dalla sua presenza. Ed è un fatto notevole che, a 39 anni, Ibra riesca ancora a competere a questi livelli e a essere così determinato a vincere – è eccezionale". Il rapporto tra Ibra e Pioli: "C’è un ottimo equilibrio. E come Ibra mi ha sorpreso per il suo lato tenero, così Pioli mi ha colpito per il carattere. Mi ha impressionato la forza di Stefano, oltre alla sua sensibilità".


La squadra ha delle solide basi non solo per quanto riguarda il campo, o quello che noi tutti vediamo, ma anche per quanto riguarda il 'dietro le quinte', il lavoro della società, dei dirigenti, non si può che essere fieri di tutto ciò che il Milan è e che sta diventando.


202 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti