I DUELLI DI FIORENTINA-MILAN

FIORENTINA-MILAN: I DUELLI

La sfida del Franchi ai raggi X: duelli a tutto campo


Una sfida delicata in uno stadio caldo. Fiorentina-Milan si preannuncia una partita ostica, specialmente al rientro dalla sosta. Il calendario segna la tredicesima giornata di Serie A e il cammino dei rossoneri fin qui è stato di altissimo livello. Per mantenersi in testa alla classifica è necessaria una prestazione importante, come è sempre accaduto al Franchi. Analizziamo la trasferta di Firenze con il nostro consueto focus sui duelli, tra statistiche e momenti di forma.

DUŠAN VLAHOVIĆ vs ZLATAN IBRAHIMOVIĆ

Zlatan contro Dušan, che ha sempre dichiarato di ispirarsi a Ibra. Il 9 della Fiorentina contro l'11 rossonero, due attaccanti di razza. Statistiche alla mano, è una sfida di altissimo profilo: Vlahović ha segnato 25 gol in Serie A nel 2021 - solamente Kurt Roland Hamrin nel 1960 ha realizzato più reti nel massimo campionato in un singolo anno solare con la maglia della Fiorentina (27). Il serbo è il giocatore che in questa Serie A ha portato più punti (9) alla sua squadra, grazie alle sue 8 reti segnate. In quattro incontri, però, non ha mai trovato la rete contro il Milan. Dall'altro lato, Ibra ha segnato 9 gol contro la Fiorentina in Serie A e potrebbe diventare il 24º giocatore nella storia della Serie A in doppia cifra di gol contro quattro differenti squadre nella competizione (con Roma, Palermo e Parma), e il secondo in attività dopo Fabio Quagliarella. In più, se Ibrahimović dovesse segnare, diventerebbe il terzo giocatore più anziano di sempre a trovare la rete in Serie A, superando Pietro Vierchowod di un giorno (40 anni e 47 giorni) - davanti a loro solo Costacurta e Piola.


JOSÉ MARÍA CALLEJÓN vs ALEXIS SAELEMAEKERS Due fedelissimi: uno per Italiano, l'altro per Pioli. Due giocatori a cui gli allenatori difficilmente rinunciano. Lo spagnolo ha giocato tutte e 12 le partite stagionali di campionato, trovando un assist nella vittoria contro lo Spezia. Dal suo arrivo alla Fiorentina nella scorsa stagione, Callejón non ha ancora trovato il gol in 32 presenze di campionato anche se in carriera conta tre reti contro il Milan nella competizione, inclusa una doppietta nell'agosto 2016. Proprio come lo spagnolo per Italiano, anche Saelemaekers, insieme a Bennacer e Leão, è uno dei "sempre presenti" di Mister Pioli, visto che è stato impiegato - da titolare o a partita in corso - in tutte e 12 le prime giornate. I suoi strappi e la sua duttilità sono stati spesso decisivi in questa prima fase di stagione, mentre la sua abnegazione difensiva è sottolineata anche da una statistica particolare: con 14 falli commessi Alexis è, insieme a Giroud e Kjær, il calciatore rossonero a cui sono state fischiate più infrazioni finora in Serie A. Ha confezionato 2 assist contro Spezia e Venezia ma il gol gli manca da Sassuolo-Milan del dicembre 2020.


CRISTIANO BIRAGHI vs THEO HERNÁNDEZ Tanta spinta a sinistra. Il capitano viola da una parte, il rientrante Theo dall'altra. Il numero 3 della Fiorentina è il quinto calciatore in Serie A per occasioni create (22), un'alternativa offensiva di livello per la formazione di Italiano, come confermato dai 76 cross effettuati in stagione e dai 329 passaggi completati nella metà campo d'attacco. Sul lato mancino dei rossoneri riecco Hernández, reduce da due assist in nazionale. Dopo aver saltato il Derby, Theo si riprende la fascia sinistra: 3 assist stagionali, il migliore tra i rossoneri, e 1 gol contro il Venezia. Il 19 ha giocato solo 110 minuti nelle ultime 5 partite di Serie A, ma è pronto a ripartire a pieno ritmo sulla fascia.


BARTŁOMIEJ DRĄGOWSKI vs CIPRIAN TĂTĂRUŞANU

5 presenze a testa in Serie A, quasi una staffetta. Il viola titolare fino a Fiorentina-Napoli del 3 ottobre, match in cui si è infortunato lasciando spazio a Terracciano. Al contrario Ciprian è subentrato tra i pali della porta rossonera dalla partita successiva, Milan-Verona del 16 ottobre, rilevando l'infortunato Maignan. 6 gol subiti ciascuno ed è simile anche il dato delle parate effettuate: 14 da Tătăruşanu, che viaggia su una percentuale di salvataggi pari al 70%; 13 invece le parate di Drągowski, percentuale del 68%. Il polacco rientrerà dall'infortunio contro i rossoneri, il rumeno punta a confermare l'ottimo momento di forma espresso nelle ultime partite.



15 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti